Il registro comunale delle DAT

Sul sito Repubblica.it Bologna del 23 novembre 2011 è stato pubblicato l’articolo “Testamento Testamento biologico quasi realtà Via libera ai provvedimenti attuativi”. E’ interessante osservare i progressi che in Italia si stanno facendo, a livello comunale, per attivare i registri delle dichiarazioni anticipate di trattamento. Dello stesso tenore è anche la notizia pubblicata sul giornale on line Padova24.ore.it di un’analoga iniziativa avvenuta nel comune di Padova.
Ci si augura che questa spinta all’innovazione possa trovare un riscontro anche a livello nazionale.

Parrebbe davvero surreale un legislatore nazionale che invece di assecondare queste spinte che avvengono sociale, andasse poi (così come previsto nel DDL Calabrò) nella direzione opposta prevedendone sì l’istituzione ma vanificandone poi il valore  al momento in cui il soggetto si trovi in una situazione di imminente pericolo di vita.

Print Friendly

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *