Il consenso informato non esenta da responsabilità professionale per errore

La corte di cassazione interviene sull’opportuna distinzione tra l’acquisizione del consenso opportunamente informato e dell’accettazione dei rischi dell’intervento e la responsabilità professionale per errore. L’accettazione dei rischi non esenta il medico da responsabilità professionale. La cassazione inoltre ha ribadito quanto già precedentemente precisato dalla sentenza Englaro sul consenso che ha la funzione di accettazione delle cure, del rifiuto delle cure e della sospensione delle cure.

Leggi il commento elaborato dal Dott. Luca Benci.

La sentenza in commento è la n. 42656 del 17 ottobre 2013, già commentata in un precedente articolo sul sito Bios-Bios.

(Fonte: www.lucabenci.it)

 

Print Friendly

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *